Come ridurre la fame?

Come ridurre la fame?

Un errore che molte persone compiono durante una dieta per perdere peso è quello di ricorrere a regimi troppo stringenti per poi cadere in tentazione alla vista del primo dolce. Soffrire la fame per dimagrire più velocemente non è sicuramente la strategia migliore. Questo metodo, oltre ad essere poco salutare ed efficace, può anche indurre sbalzi d’umore e attacchi di tristezza.

Quando si decide di intraprendere un percorso alimentare è importante che esso sia equilibrato e non eccessivamente restrittivo.

Inoltre lo stress può aggravare la situazione, per questo motivo gli attacchi di fame nervosa sono sempre dietro l’angolo.

Tuttavia, esistono dei trucchi che possono aiutare a tenere sotto controllo la fame e a non crollare.

Alimenti

  1. Cioccolato fondente: può essere una soluzione per evitare di farsi tentare merendine e dolci confezionati, con molti grassi e zuccheri. Inoltre, viene considerato un antidepressivo naturale, essendo ricco di triptofano, che stimola la produzione di serotonina.
  2. Semi vari e frutta secca: semi di chia, mandorle, noci sono alleati delle diete. Essi sono molto sazianti e ricchi di omega 3, il consiglio aggiungerli agli spuntini.
  3. Banane: molto spesso vengono considerate un frutto non dietetico, tuttavia è importante tenere conto delle sue proprietà e del suo potere saziante. Le sue fibre, i suoi zuccheri naturali e gli antiossidanti sono veri alleati della linea.
  4. Uova: un alimento molto importante, ricco di proteine e grassi buoni che va inserito in un regime alimentare. Esse danno un grande senso di sazietà perciò sono particolarmente indicate durante le diete dimagranti.
  5. Latte di soia: molto ricco di proteine vegetali, ferro e fitoestrogeni è molto saziante ed è meno calorico del latte vaccino.

Integratori naturali

  1. Spirulina: un’alga azzurra unicellulare. Molto ricca di proteine, grassi e aminoacidi. Molte anche le vitamine e i sali minerali. Gli integratori di spirulina sono molto utilizzati dagli sportivi e nelle diete dimagranti. Nell’ultimo caso spesso questi integratori vengono assunti prima dei pasti per dare un maggiore senso di sazietà.
    Tuttavia, è indispensabile chiedere il parere del proprio medico, per evitare gli effetti collaterali dovuti ad un errata assunzione. Per saperne di più leggi anche: A cosa serve l’alga spirulina? 
  2. Caffè verde: non è altro che caffè non tostato e quindi mantiene tutte le sue proprietà. Tra le proprietà c’è l’accelerazione del metabolismo e la diminuzione del senso di appetito. Anche in questo caso l’assunzione deve avvenire sotto controllo medico, dato che è controindicato per coloro che soffrono di ipertensione, data la sua azione stimolante.
  3. Guaranà: è una pianta rampicante sempreverde, che proviene dalla foresta Amazzonica. Molto note sono le sue proprietà energizzanti e antifame, oltre ad essere un aiuto contro la ritenzione idrica.
  4. Glucomannano: integratore estratto dalla radice di konjac, ha il potere di ridurre il senso di appetito e regolarizza i livelli di glicemia. può essere assunto attraverso pillole o cerotti.
  5. Alga Fucus: un alga ad elevato contenuto di iodio. Oltre ad avere un effetto saziante, possiede anche la capacità di velocizzare il metabolismo assopito e di regolarizzare il transito intestinale. Un alleato anche contro la ritenzione idrica e il grasso localizzato, il medico curante potrebbe vietarne l’utilizzo a chi ha problemi di tiroide.