Che cosa è la manipolazione fasciale?

Che cosa è la manipolazione fasciale?

La manipolazione fasciale è una particolare tecnica manuale posta in essere in caso di tensioni fisiche che producono sensazioni dolorose per il corpo. In genere viene utilizzata per alleviare i dolori derivanti dalle tendiniti, da distorsione della caviglia o dal semplice mal di schiena.

Tale pratica si realizza mediante dei massaggi effettuati con polpastrelli, mani, nocche, gomiti, polsi localizzati nei tratti dolorosi. In alcuni casi risulta essere necessario anche immobilizzare alcuni punti specifici del corpo per agire nel miglior modo possibile sulla cosiddetta “fascia corporis”. Quest’ultima è semplicemente la membrana di tessuto connettivo che è presente sotto lo strato di epidermide e che ricopre i muscoli e gli organi presenti nel corpo umano. La fascia corporis è tendenzialmente elastica ed è in grado di assorbire gli stress fisici e psichici. A causa di semplici traumi, come ad esempio una caduta, oppure a causa di cattive abitudini alimentari o dei farmaci assunti, tale membrana può riportare delle vere e proprie difficoltà di movimento. In questi casi, per ridurre velocemente il dolore e per riprendere la capacità motoria, la manipolazione fasciale può essere un’ottima soluzione.

 

Come funziona la manipolazione fasciale

Durante il trattamento della manipolazione fasciale il terapista deve concentrarsi sui cosiddetti centri di coordinazione. Ogni centro viene associato ad un centro di percezione a livello articolare che è interessato dalla zona dolorosa. Generalmente gli esperti concordano nell’affermare che questo particolare intervento manuale sia uno dei migliori per risolvere i problemi di natura “osteomioarticolare” ovvero di cervicalgite, lombalgite ecc. Inoltre, la manipolazione fasciale sembra essere estremamente efficace anche per una patologia piuttosto comune nel nostro paese ovvero il famoso tunnel carpale. Inoltre, questa tecnica è estremamente consigliata a coloro che praticano sport, costoro infatti si espongono più facilmente a traumi fisici durante le proprie prestazioni agonistiche.

 

I benefici connessi alla manipolazione fasciale

Il beneficio più importante connesso a questa particolare tecnica di massaggio è quello del sollievo immediato dalle sensazioni dolorose. Inoltre, la manipolazione fasciale, permette anche il totale ripristino del normale movimento e delle funzionalità articolare della zona interessata dal trauma. In questo modo è possibile rendere nuovamente morbide e funzionanti le parti del corpo soggette alla tensione muscolare. Generalmente i traumi più comuni che possono essere risolti con questa tecnica sono: tallonite, sciatica, lombosciatalgia, stiramenti muscolari, cervicale.

 

La manipolazione fasciale causa dolori?

In occasione della prima seduta di manipolazione fasciale il terapista di norma avvisa il paziente di tutte le manovre che sta per porre in essere, specie se può causare un lieve dolore. La zona interessata dalla terapia infatti potrebbe rimanere dolente anche dopo la conclusione della manipolazione (massimo per qualche ora). Tuttavia, per poter constatare l’efficacia o meno del trattamento sul proprio corpo, è necessario attendere almeno una settimana, anche se non è raro avvertire un qualche miglioramento già subito dopo la terapia. Nelle sedute successive, qualora dovessero essere necessarie, i pazienti avvertiranno meno dolore in quanto il corpo riesce ad abituarsi ai massaggi effettuati dall’esperto e, anche psicologicamente, si conosce già qual è la sensazione che si prova durante la terapia.