5 consigli sulle illuminazioni camera da letto

5 consigli sulle illuminazioni camera da letto

L’illuminazione della camera da letto è una scelta importante da compiere per la casa. Si tratta della stanza dedicata al riposo notturno, ma con le luci giuste può diventare il posto perfetto dove rilassarsi anche durante la giornata, per leggere, distrarsi o riposare in tranquillità. Trovare la fonte d’illuminazione giusta non è una questione puramente estetica, ma anche e soprattutto funzionale. Ecco cinque proposte pratiche su come valorizzare al meglio l’illuminazione della camera.

5 soluzioni per le illuminazioni nella camera da letto

  • Quando si parla di luce, il primo pensiero finisce sulla soluzione lampadario. Anche se è la scelta più scontata, non è la migliore, perché non dovrebbe essere la fonte principale di luce nella camera da letto. È vero che l’effetto scenico è di sicuro impatto, a maggior ragione se si opta per un lampadario grande, di cristallo, colorato o di forma particolare. Per un’alternativa elegante ma meno costosa, anche la plafoniera ha lo stesso effetto. In commercio ne esistono moltissime, di forma, colori e dimensioni più varie, per creare un punto luce centrale per la stanza del riposo;
  • Se si preferisce un bel punto luce sul soffitto, è meglio decidere di installare dei faretti a led incassati nel controsoffitto oppure inseriti in binari. Di solito si posizionano a circa 30-40 cm di distanza l’uno dall’altro e oltre a essere un elemento altamente funzionale, diventano anche una decorazione sobria ed elegante per illuminare la stanza da letto;
  • Non tutti hanno a disposizione grandi spazi in casa, perché a volte la stanza non è molto ampia. In tal caso anche la luce artificiale deve adattarsi allo spazio, per poterlo valorizzare al meglio. Una scelta originale è quella di montare delle strisce led, sbizzarrendosi con forme, colori e dimensioni preferiti;
  • La camera risulta molto rilassante con le luci giuste, delicate e non invadenti. Se l’atmosfera soft è quella si preferisce, un abat-jour sul comodino regala un ambiente soffuso in cui godersi i propri spazi prendendosi del tempo per sé. Il vantaggio del paralume è proprio il fascio di luce limitato, che non disturba chi sta riposando accanto nel letto;
  • Un paralume sul comodino è comodo da accendere e spegnere senza fatica con l’interruttore, ma se si desidera avere le superfici sgombre da oggetti, esistono in commercio delle confortevoli applique a muro. I modelli attuali usufruiscono di bracci regolabili ed estensibili che proiettano il fascio di luce solo nel punto desiderato.

In una camera da letto a prescindere dalle dimensioni e dall’arredamento, ogni angolo della stanza va illuminato in modo da essere ottimizzato al meglio, anche in base alla funzione.

Sul comodino si posano oggetti utili prima di dormire o un libro, per cui meglio un abat-jour o un applique a parete. Per non disturbare il riposo dell’altra persona, meglio ancora un’applique con braccio regolabile per direzionare la luce nel posto desiderato. All’interno del guardaroba invece si possono posizionare in alto dei faretti a led, a risparmio energetico. I faretti si attiveranno soltanto quando le ante vengono aperte, in modo da non avere sprechi di energia.

L’idea è molto utile soprattutto se l’armadio ha un colore scuro, perché queste tonalità non aiutano a riflettere all’interno del guardaroba la luce della camera da letto. Se gli spazi della stanza lo permettono, creare un angolo relax è molto chic oltre che rilassante. Basta anche solo una poltroncina accanto a un tavolino per poggiare gli effetti personali e il gioco è fatto. La posizione giusta per godere della luce naturale e del panorama sarebbe accanto a una finestra. In ogni caso per poter leggere o rilassarsi, si può posizionare accanto una lampada a stelo dove regolare l’intensità della luce.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *